Humanitas diritti umani

Quasi mille civili uccisi ogni mese in Iraq

Quasi mille civili uccisi ogni mese in Iraq

Quasi mille civili uccisi ogni mese in Iraq
Share

Almeno 18.802 civili sono stati uccisi in Iraq e  36.245 sono rimasti feriti  in Iraq dal 1 gennaio  2014 al 31 ottobre 2015, secondo un rapporto dell’UNAMI, la Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Iraq e l’OHCHR, l’Ufficio dell’Alto Commissario delle  Nazioni Unite per i diritti umani.  Circa metà delle vittime sono avvenute a Baghdad.  Nel  solo mese di gennaio 2016 i civili uccisi in Iraq sono stati 849.

Le cifre tuttavia sono solo parziali. Si tratta di civili uccisi mentre molti altri sono morti a causa di mancanza di accesso a cibo, acqua  e medicinali. Oltre tre milioni sono gli sfollati dall’inizio del 2014, quando l’ISIS, chiamato anche  Daesh o  ISIL  (Stato islamico dell’Iraq e del Levante) ha allargato il suo controllo nel Paese. Secondo il  rapporto circa 3.500 persone, soprattutto donne e bambini, sono tenuti  come schiavi in ​​Iraq da parte dei militanti dell’ISIS. Il rapporto compilato si basa in gran parte sulla testimonianza di vittime.

Durante questo stesso periodo  sono stati  rapiti molti civili, oppositori  o persone affiliate al governo come ex soldati dell’esercito  o ex agenti di polizia, ex funzionari pubblici, professionisti, medici, avvocati, giornalisti, leader religiosi o capi tribali. Molti sono stati giudicati dall’ISIS in tribunali autocreati. Oltre a ordinare l’uccisione di innumerevoli persone  hanno imposto pene come lapidazione e amputazioni.

Una tale situazione ha costretto alla fuga di un numero imprecisato di persone  sia all’interno dell’Iraq che fuori dai confini.

15.03.2016

Condividi questo articolo

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono ancora commenti, vuoi aggiungerne uno tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Cerca nel sito

Archivi

Pagina facebook Humanitas

calendario

Marzo: 2016
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031